Connect with us

Piccoli mammiferi

5 consigli per la cura della cavia

Published

on

5 consigli per tenere una cavia in casa 5 consigli per la cura della cavia

In questa guida andremo a conoscere 5 semplici e pratici consigli per la cura  della cavia così da permettere a questo simpatico animaletto di vivere al meglio in nostra compagnia.

La cavia è uno dei roditori più amati da grandi e piccoli per via del suo aspetto simpatico e del suo carattere particolarmente docile. Sono tantissime le famiglie che decidono di prendere come animale domestico una cavia, ma spesso non sanno come curare al meglio la new entry in casa. Prima di tutto bisogna sempre informarsi sempre prima dell’acquisto di qualsiasi animale, ciò permetterà a chi lo acquisterà di essere in grado di accudire l’animale nel migliore dei modi. Infatti informarsi sulle abitudini dell’animale che si andrà a scegliere vi permetterà di comprendere la sua natura e i suoi bisogni. Per accudire al meglio un porcellino d’india bisogna, tra le altre cose, seguire 5 regole fondamentali che andremo ad elencare.

Alimentazione

L’alimentazione è una delle cose più importanti per la cavia, infatti una sana e corretta nutrizione è alla base della salute della cavia, quindi è bene informarsi su cosa può e cosa non può mangiare così da dargli sempre alimenti freschi e di stagione. È importante ricordare che la cavia è un animale vegetariano, quindi si alimenta solo di con frutta, verdura e tuberi vari. Una sana alimentazione dovrebbe comprendere anche frutta fresca come ad esempio mele.

Per garantire al tuo porcellino d’india una corretta alimentazione ti consigliamo di integrare l’alimentazione con il fieno Oxbow Mix Hay, un prodotto di altissima qualità con valori nutrizionale eccellenti, acquistalo in un mix di 4 confezioni con miscele diverse cliccando sul riquadro in basso.

[WooZoneProducts asin=”B01FG5LICC”][/WooZoneProducts]

Igiene gabbietta

L’igiene della gabbietta è anch’essa di fondamentale importanza, infatti tenere la gabbia al pulito permette di evitare spiacevoli inconvenienti come ad esempio malattie o infezioni alle quali la cavia può andare incontro. Per tenere la gabbia pulita non c’è bisogno di molto tempo, infatti basta utilizzare una lettiera apposita che può essere costituita da diverso materiale quale il granulato di mais oppure il fieno a seconda dei propri gusti. La lettiera in fieno solitamente tende a sporcarsi di più rispetto al truciolo in quanto non riesce ad assorbire i liquidi. Il il granulato di mais invece grazie al suo potere assorbente riesce a trattenere i liquidi tenendo la lettiera più pulita. Anche la pulizia delle vaschette dove si ripone il cibo e l’acqua è importante, infatti tenere sempre puliti i recipienti permette di salvaguardare il benessere della cavia evitando infezioni alla bocca.

Per tenere sempre pulito il tuo porcellino d’india ti consigliamo il granulato di mais Chipsi, un prodotto 100% naturale ad alto potere assorbente e totalmente sicuro per l’animale. Acquistalo cliccando sul riquadro in basso in questa super offerta da 3 pacchi da 4,6 Kg.

[WooZoneProducts asin=”B01M0IRO0K”][/WooZoneProducts]

Allestimento della gabbia

L’allestimento della gabbia è di importanza fondamentale, infatti con la giusta scelta degli accessori è possibile salvaguardare la salute della cavia. Durante l’allestimento della gabbia è assolutamente da evitare l’utilizzo di accessori in plastica morbida come ad esempio ciotole oppure casette. Quest’ultime spesso vengono rosicchiate dalla cavia che rischia di morire o comunque stare male a causa dei pezzi di plastica che finiscono all’interno dello stomaco.

Per evitare di avere queste problematiche è d’obbligo l’utilizzo di accessori o in ferro oppure studiati appositamente per i roditori. Sempre all’interno della gabbia bisognerà posizionare un osso di seppia oppure dei rami di legno che permettano alla cavia di affilare e di conseguenza consumare gli incisivi senza avere il problema di ingerire cose che potrebbero nuocere alla sua salute. Come ultima cosa è importante inserire al suo interno anche un rifugio, che può essere realizzato in legno oppure in altri materiali adatti alle cavie.

Photo by Tim Sträter 5 consigli per la cura della cavia

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piccoli mammiferi

Nuovi animali domestici: il petauro dello zucchero

Published

on

Petauro Nuovi animali domestici: il petauro dello zucchero

Se vuoi un piccolo e vivace compagno domestico il petauro dello zucchero può fare al caso tuo.

Vuoi un petauro dello zucchero domestico? Non è un caso se questo animale si è guadagnato molte simpatie e un posto nelle case di tantissimi italiani. Colpiscono molto le sue caratteristiche: le piccole dimensioni, il bel manto grigio striato, ma soprattutto la membrana distesa tra zampe posteriori e anteriori che serve a questo adorabile roditore per poter planare. A queste si aggiungono l’innata socievolezza dell’animale, che non ama affatto stare solo ed è infatti preferibile che viva con almeno un suo simile e un padrone particolarmente presente.

Petauro dello zucchero Nuovi animali domestici: il petauro dello zucchero

Cosa serve per occuparsi di un petauro dello zucchero alimentazione e altre informazioni utili.

Il cibo è una parte molto importante della cura di questo animale: nonostante l’apparenza graziosa e innocua, egli è infatti un gran cacciatore. Le proteine sono quindi indispensabili nella sua dieta e possono essere fornite attraverso la somministrazioni di insetti vivi come grilli o larve. Ma maggiormente non bisogna dimenticare anche la frutta e verdura freschi, di cui si nutrono principalmente e poi nella dieta bisogna integrare anche la somministazione di calcio, che deve essere ben calibra. Fondamentale è anche per il petauro dello zucchero gabbia adatta al suo stile di vita e ai suoi movimenti. In generale è preferibile utilizzare una voliera molto alta e spaziosa, così che non soffra in spazi ristretti e si senta libero come in natura.

Ecco di seguito alcuni prodotti appositamente selezionate dal nostro staff per te e il tuo nuovo amico marsupiale!

Non lasciarti scappare l’occasione di poter creare l’habitat giusto per i tuoi nuovi e dolcissimi amici che hanno la necessità di poter sfogare tutta la loro energia e vivacità.

Petauro dello zucchero prezzo di acquisto e mantenimento.

Petauro dello zucchero domestico Nuovi animali domestici: il petauro dello zucchero

Il petauro dello zucchero costo è medio, intorno ai centocinquanta euro, ma bisogna mettere in conto che oltre alla spesa per una voliera abbastanza grande è il caso di investire anche in un compagno di vita per l’esotico roditore. La solitudine non si adatta bene al petauro, che può infatti andare incontro a episodi depressivi se costretto a vivere lontano dai suoi simili. In più, questo animale è adatto a convivere con un adulto, ma non è consigliato per i bambini, avendo una fisicità molto delicata. Ciò non toglie che, trattato con il giusto criterio, si dimostri un longevo animale domestico e possa accompagnare il suo padrone fino a dieci anni di vita. Inoltre,  vi consigliamo di leggere anche gli articoli su altri insoliti animali da compagnia come lo scoiattolo giapponese e il furetto. Scoprite questi simpatici animali che di sicuro riusciranno a stupirvi per tutte le loro caratteristiche.

 

Continue Reading

Piccoli mammiferi

Tutto quello che devi sapere sul coniglio d’angora

Published

on

Conigli Tutto quello che devi sapere sul coniglio d’angora

Le principali varietà di questa razza.

Il coniglio d’angora è un animale domestico molto diffuso, conosciuto soprattutto per la particolare bellezza e morbidezza del suo pelo. Proprio le lievi differenze nella pelliccia e nelle dimensioni del corpo di questi roditori hanno permesso il riconoscimento di razze diverse: inglese, francese, gigante e satin. Ognuna presenta delle caratteristiche specifiche: la varietà inglese è quella più diffusa come domestica e ha del pelo che le copre anche gli occhi; quella francese ha un manto setoso ed è più facile da curare; la gigante è quella dalle dimensioni maggiori e la satin è famosa per la lucentezza della suo pelo. Esiste inoltre una varietà non riconosciuta, ma molto apprezzata, proveniente dall’unione tra la razza inglese e quella del semplice coniglio nano: il coniglio d’angora nano.

Prendersi cura dei conigli d’angora.

coniglio d'angora Tutto quello che devi sapere sul coniglio d’angora

Questi adorabili roditori sono belli quanto delicati. In modo specifico è molto importante prendersi cura del loro particolarissimo pelo, che cresce assai velocemente e può allungarsi fino a otto, dieci centimetri in pochi mesi. Per quanto sia un vezzo, piacevole da guardare e da toccare, bisogna tenere conto che ha un prezzo. Per fare in modo che non sia fonte di fastidio o intralcio per il coniglio è il caso di spazzolarlo molto spesso, meglio se ogni giorno, in modo che non si formino nodi. Se malauguratamente dovesse accadere si può procedere tagliandoli via con delle forbici, facendo ben attenzione a non ferire l’animale.

Consigli: gabbie e accessori per conigli scelti da noi

Di seguito ti consigliamo diversi modelli di gabbie e accessori per far stare bene il tuo amico dal manto stupendo.

Coniglio d’angora prezzo.

Conigli Tutto quello che devi sapere sul coniglio d’angora

Qual è per un coniglio d’angora il prezzo indicato? A differenza di quello che si potrebbe pensare, avendo presente che la pelliccia d’angora è molto apprezzata e impiegata nell’industria tessile, il costo di un coniglio di razza angora selezionato non rientra nella fascia dei normali conigli nani e si aggira intorno ai 100 euro, con una minima variazione di prezzo che dipende dalla razza che si è scelto di acquistare. Come spesso accade, è consigliabile rivolgersi a degli allevamenti o negozi specializzati, perché in questo modo ci si assicura professionalità e serietà, nonché la garanzia di un esemplare di razza pura.

Se sei interessati ti consigliamo di leggere anche l’articolo Consigli per prendersi cura del coniglio nano.

Continue Reading

Piccoli mammiferi

Come allevare il porcellino d’india

Published

on

Cavia domestica Come allevare il porcellino d’india

Porcellino d’india razze e manti per tutti i gusti.

Per il tuo porcellino d’india pelo lungo o pelo corto? Questi roditori, apprezzati soprattutto per il loro carattere docile, socievole e facilmente adattabile alla vita domestica, esistono in varietà diverse. Ciò che li contraddistingue è il pelo, che ne costituisce anche uno degli elementi da considerare quando si sceglie di comprarli, perché alcune razze per vivere in salute hanno bisogno di una particolare attenzione da dedicare al loro manto. La cavia sheltie, quella peruviana e la lunkarya, per esempio, hanno una peluria che può raggiungere i sette centimetri di lunghezza e per questo necessitano di essere spazzolati molto spesso. Per chi invece non ha molto tempo da dedicare alla toletta del proprio porcellino d’india esiste anche lo skinny pig, una razza completamente priva di pelo.

Porcellino d'india Come allevare il porcellino d’india

Come fare a scegliere per il tuo porcellino d’india gabbia e mangimi ideali.

Per un porcellino d’india alimentazione e la salute vanno di vari passo. Altrettanto importante è il ruolo che gioca l’habitat in cui l’animale vive e trascorre la maggior parte del suo tempo. La gabbia deve essere spaziosa, larga almeno un metro, per permettere all’animale di muoversi in libertà. Soprattutto, non deve essere dotata di sbarre sul fondo, per non danneggiare le zampe del roditore. Elemento che non deve mai mancare al suo interno è il fieno, base dell’alimentazione di qualsiasi cavia. Ne esistono di vari tipi: erba medica, mazzolina, fienarola e tutte hanno l’importante scopo di favorire la corretta digestione dell’animale ed evitare problemi di blocchi intestinali.

Porcellino d’india prezzo medio consigliato.

Porcellino d'india prezzo Come allevare il porcellino d’india

Porcellino d’india costo? Il costo delle cavie non è affatto elevato, ma varia a seconda delle razze scelte e della loro reperibilità. In generale, comunque, non lungi dall’essere esoso, può diventare la base ideale per un piccolo e inaspettato regalo. Questi graziosi e affettuosi animali sono infatti perfetti per diventare amici dei bambini. Oltre la cura da dedicare alla loro alimentazione, alla pulizia della lettiera e, in alcuni casi specifici, al pelo, non hanno bisogno di accorgimenti particolari. Soprattutto possono restare a contatto dei più piccoli perché hanno un carattere molto mite e non mordono.

Ti suggeriamo di leggere anche 5 consigli per la cura della cavia.

Continue Reading

Trending